Utilizziamo i cookie, anche di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Cliccando sul tasto [OK], oppure proseguendo la navigazione, si accetta il nostro utilizzo dei cookie. Per maggiori informazioni o negare il consenso

Strategie SEO dopo "Google Penguin"

Stampa
Categoria: SEO
Scritto da Guide informatica

panda-penguin-seoLa maggior parte delle aziende on-line sono a conoscenza del modo in cui i risultati dei motori di ricerca possono creare o distruggere la fortuna di un sito web, poiché il traffico più consistente trae origine dai risultati dei motori di ricerca.

Tuttavia, la maggior parte delle aziende utilizzano ancora solo la creazione e l'inserimento di parole chiave all'interno dei propri contenuti come strategia per tentare di migliorare il proprio posizionamento sui motori di ricerca. Benchè questo sia uno dei migliori metodi per l'ottimizzazione sui motori di ricerca, non è l'unico. Qui ci sono quattro rapidi consigli SEO per aiutare il posizionamento sui motori di ricerca in modo efficace.

1. Il modo in cui sono chiamati i file e le directory ha una certa importanza
Uno dei modi in cui Google indicizza i siti è cercando i nomi dei file e delle directory. Questo significa che un'azienda può effettivamente migliorare la sua classifica sui motori di ricerca con la semplice denominazione dei file in base al loro contenuto. Per esempio, un articolo sul cibo per gatti potrebbe essere chiamato cibo-per-gatti-domestici.html. Esistono anche software (blogging suite) che danno gli editori la possibilità di generare automaticamente i nomi dei file in base ai titoli del blog. Questo richiede solo pochi minuti per settare le impostazioni, ma potrebbe dare ad una società il margine di vantaggio di cui ha bisogno rispetto alla concorrenza.

panda-penguin

2. Rivolgiti ai Social Media per backlinks "puliti"
Da quando ci sono stasti gli aggiornamenti degli algoritmi di ricerca di Google, denominati Google Panda e Penguin, le persone stanno scoprendo che la maggior parte dei loro metodi di backlinking non hanno più successo o addirittura stanno portando a penalizzazioni. Le link farm e altri metodi di black hat SEO non vengono più conteggiati ai fini del numero totale di link ad un sito web. Tuttavia, con la moltitudine di siti di social media su Internet, le aziende possono aumentare il loro numero backlink semplicemente postando link a nuovi contenuti sulle loro pagine aziendali.
Se una società è attiva su Facebook, Twitter, Google+ e Pinterest, sarà in grado di creare quattro collegamenti a contenuti nuovi in ​​pochi minuti. Inoltre, se gli aggiornamenti di stato e i contenuti sono coerenti e integrati tra loro, verrà assegnato ancora più valore a questi link "white hat". Google sta anche cercando di conteggiare i "mi piace" come voti positivi per un sito, sottolineando ulteriormente l'importanza di utilizzare questo metodo SEO.

3. Approfitta dei tag nelle ricerche sui blog e sui siti
Oltre a rendere un sito web più facilmente indicizzabile per i motori di ricerca, i tag di ordinamento su siti e blog possono anche contribuire a incrementare il numero e la qualità delle parole chiave di un sito e a migliorare il suo posizionamento sui motori di ricerca. Dal momento che una delle cose che Google utilizza per misurare la rilevanza di un sito per una parola chiave è il testo di ancoraggio (anchor text), o il testo utilizzato per descrivere un link all'interno di un sito web, i web designer possono utilizzare i tag di ordinamento come un modo per includere le parole chiave. Inoltre, la maggior parte dei blog consentono ai progettisti di ordinare sia in base alle categorie che in base ai tag, dando ai siti web un modo "white hat" di aumentare l'uso di parole chiave e di link.

4. Rendi le immagini Google-friendly
Un altro metodo per indirizzare il traffico verso un sito web è quello di rendere le immagini Googl-friendly. Questo metodo SEO non ha mai riscosso molta attenzione perché la maggior parte delle persone arriva ai siti web attraverso i risultati standard dei motori di ricerca. Tuttavia, l'ottimizzazione delle immagini per l'indicizzazione su Google Image è veloce, e può portare ancora più traffico verso un sito. Per rendere le immagini ottimizzate ai fini dell'indicizzazione, sarà necessario che il webmaster utilizzi nomi descrittivi e il tag del codice HTML "alt img". I nomi delle immagini devono descrivere la foto in modo conciso, e il tag "img alt" può essere utilizzato per la didascalia della foto.

Conclusioni
Le suddette 4 strategie sono tutte considerate pratiche legittime della SEO, e molte sono anche suggerite dallo stesso Google. La maggior parte di questi suggerimenti richiede soltanto pochi minuti per essere messo in atto, ma può avere un effetto notevole sulla classifica dei siti web nei motori di ricerca, e quindi sul volume di traffico verso un sito.